Esperti di Vulnologia
Laboratorio di idee ed esperienze

Scrivi allo staff di Esperti di Vulnologia

FAI LA TUA DOMANDA

09 gen 2015

alginato

Alginato di calcio

L’alginato di calcio è una sostanza contenuta all’interno delle alghe brune in grado di accelerare la cicatrizzazione delle ferite e l’emostasi, ovvero la coagulazione del sangue. Le proprietà curative delle alghe marine sono conosciute sin dai tempi antichi, ma è con lo sviluppo della ricerca farmaceutica che è diventato possibile estrapolare questa sostanza dalle alghe per realizzare fibre in tessuto a base di alginato disponibili come cuscinetti o corde.

I vantaggi nell’utilizzo delle medicazioni all’alginato di calcio per la cura delle ferite sono molti: può assorbire fino a 20 volte il suo peso, si adatta alla forma della ferita, non è adesivo e si unifica con l’essudato per formare un gel morbido adatto a mantenere un ambiente umido. Inoltre le medicazioni di questo tipo sono facili da usare e promuovono il debridement autolitico.

Quando utilizzare l’alginato di calcio?

È consigliato usare l’alginato di calcio se si deve:

- effettuare una medicazione primaria su ferite a spessore parziale o completo
- drenare una ferita da moderato a forte essudato
- medicare una ferita infetta e non infetta
- medicare una ferita con tunneling e sottominatura

Le medicazioni all’alginato di calcio si possono utilizzare soltanto se la ferita è umida, cioè con moderato o tanto essudato: quando l’alginato entra in contatto con il sangue produce un gel in grado di mantenere il tasso di umidità della ferita e quindi di accelerare la riparazione dei tessuti. Se invece il letto della ferita è secco è bene NON utilizzare questo tipo di medicazione: in questo caso infatti la produzione di tale gel non riesce ad attivarsi, con il rischio che la medicazione aderisca al tessuto di granulazione, asciughi il letto della ferita e causi traumi alla guarigione dei tessuti.

Le medicazioni di questo tipo possono essere utilizzate per periodi di tempo prolungati, in caso di grandi ferite il costo della medicazione può diventare elevato

Consigli utili per l’applicazione delle medicazioni

 Quando si utilizzano medicazioni all’alginato di calcio è bene:

- irrigare la ferita con soluzione fisiologica o con detergente con pH tensioattivo equilibrato nei cambi di medicazione
- coprire la medicazione all’alginato di calcio con una medicazione secondaria
- cambiare la medicazione ogni 1-3 giorni, in alcuni casi si può arrivate fino a 5 giorni
- NON bagnare la medicazione o usare idrogel: se la ferita sembra troppo secca la medicazione all’alginato potrebbe non essere quella più appropriata

Per ulteriori informazioni su come applicare la medicazione all’alginato di calcio guarda questo video. 

Come spiega la professionista del filmato, una volta rimossa la medicazione è necessario osservare il tipo, la quantità e la qualità dell’essudato per valutare meglio la ferita e il tipo di medicazione più appropriata; se necessario è bene cambiare approccio.

Va inoltre riposta un’attenzione particolare al tipo di medicazione secondaria da utilizzare: se la lesione è troppo essudante e a rischio di infezione, non bisogna utilizzare medicazioni occlusive.

Rispondi

  • (will not be published)