Esperti di Vulnologia
Laboratorio di idee ed esperienze

Scrivi allo staff di Esperti di Vulnologia

FAI LA TUA DOMANDA

13 gen 2015

doppler

Ankle Brachial Index

L’articolo “We don’t have a doppler” di Donna Sardina Wound Care Education Institute Plainfield, Illinois, mostra che tra il 50% ed il 95% del pubblico sanitario presente ai suoi seminari non sa che cos’è l’Indice di Winsor (ABI) e spesso i professionisti giustificano questa carenza adducendo a scuse sulla mancanza di strumenti adeguati per studiare una terapia compressiva mirata per guarire l’1% della popolazione degli U.S.A.

In quanto professionisti però non è corretto nascondersi dietro a queste scuse.

Le Ulcere venose sono la causa più comune delle ulcere degli arti inferiori, colpiscono l’1% della popolazione degli U.S.A. (circa 3 milioni di persone). I costi annuali per il trattamento della malattia venosa per questa percentuale di popolazione varia da $ 1,9 a $ 3,5 miliardi. 

Il Gold Standard per il trattamento delle ulcere venose prevede la guarigione in un ambiente con il giusto grado di umidità e la terapia compressiva. Prima di provvedere con la terapia compressiva è necessario determinare se esiste un adeguato flusso di sangue arterioso oppure se esistono delle situazioni che possono compromettere o aver delle conseguenze pericolose per la vita.

“Alzi la mano chi sa cosa è l’ABI. Ora alzi la mano chi di routine misura l’ABI ai pazienti”. Donna Sardina ha eseguito queste domande in seminari di Wound Care in tutto il paese, negli ultimi 10 anni, e le risposte sono sempre le stesse: tra il 50% e il 95% del pubblico non sa cos’è un ABI e solo 1% al 2% dice di eseguire il test ABI.

L’ABI (ankle brachial index o indice di Winsor) è uno screening non invasivo effettuato con Doppler vascolare e un bracciale alla caviglia che misura la pressione del sangue. Questo semplice test aiuta a determinare se è possibile applicare in modo sicuro la terapia compressiva, se esiste una sofferenza o una malattia arteriosa periferia e ci aiuta a capire l’efficacia degli interventi terapeutici.

La rilevazione dell’ABI per determinare l’esistenza di una sofferenza arteriosa è consigliata in numerose linee guida standard di varie organizzazioni come The American College of Cardiology, American Heart Association, American Diabetes Association, Society for Vascular Nursing, Wound Ostomy Continence Nurses, Society for Vascular Medicine, U.S. Preventive Services Task Force, and World Union of Wound Healing Societies.

Le indicazioni per eseguire una terapia compressiva includono una lettura dell’ABI maggiore di 0,8. Quindi se non si esegue l’ABI, come si può effettuare tranquillamente questo tipo di terapia?

Uno studio di “Allie and colleagues” ha dimostrato che più del 50% di amputazioni degli arti inferiori si verificano senza aver effettuato precedenti test vascolare di qualsiasi tipo, tra cui l’ABI.

Perchè? Spesso la scusa usata dai professionisti è appunto quella della mancanza di strumentazioni come il Doppler. E’ un problema reale, ma di certo non possiamo permetterci di dire a un paziente che ha appena perso una gamba “mi dispiace ma non avevamo un Doppler”.

oss

Ossimetria Transcutanea (ptcO2)

È responsabilità e dovere degli esperti di cura delle ferite e degli assistenti della salute garantire la massima sicurezza per la cura dei pazienti con ulcere venose. È fondamentale spiegare a chi gestisce le strutture sanitarie in cui lavoriamo di che cosa e perché ne abbiamo bisogno. 

Collaborate con le vostre società di forniture mediche e valutate un piano di pagamento adeguato. Effettuate una raccolta di fondi. Impostate un piano terapeutico eseguendoossimetria doppler la misurazione dell’ossimetria (l’indice di ossimetria Lanarkshire) oppure la misurazione dell’ossigeno transcutaneo attraverso l’ossimetro (ptcO2), e inviare il paziente ad un Centro di Cura di Ferite o ad un altro operatore sanitario che può eseguire il test.

Per il bene dei pazienti ognuno di noi deve essere più responsabile sul proprio lavoro, “Non abbiamo un Doppler” non può essere più una scusa.

Rispondi

  • (will not be published)