Esperti di Vulnologia
Laboratorio di idee ed esperienze

Scrivi allo staff di Esperti di Vulnologia

FAI LA TUA DOMANDA

25 giu 2015

ossigenoterapia iperbaricaLa respirazione di ossigeno puro sotto pressione (ossigenoterapia iperbarica) per il trattamento di danni ai tessuti è stata impiegata per quasi 45 anni ed è stata studiata in diversi modi: prospettico, retrospettivo, e studi controllati randomizzati. Gli effetti fisiologici del trattamento dell’ossigeno sul tessuto delle ferite sono profondi e comprendono l’attivazione di cellule immunitarie, i cambiamenti nella produzione di citochine, e la modulazione di mediatori infiammatori e battericida. L’ ossigeno iperbarico influenza la biochimica di tutte le cellule cellule, alterando la proliferazione cellulare, l’ angiogenesi, la coagulazione e la rigenerazione dei tessuti. Gli effetti dell’ ossigenoterapia iperbarica in diversi tipi di cellule individuali e nei tessuti stanno solo iniziando a essere rivelate in entrambi gli studi animali e umani. Molti studi indipendenti, utilizzando ossigeno iperbarico in modo aggiuntivo nella cura standard delle ferite, hanno osservato una migliore guarigione, in particolare per le ulcere del piede diabetico, e può portare a una significativa riduzione delle amputazioni maggiori. Gli effetti collaterali si verificano di rado, ma sono stati riportati barotrauma  dell’orecchio, miopia e raramente tossicità dell’ossigeno . Poichè gli antibiotici diventano meno disponibili, e il tempo clinico e le medicazioni complesse diventano più costosi, l’ uso di ossigeno iperbarico come mezzo di trattamento di una varietà di tipi di ferita può diventare un’opzione sempre più appropriata per il trattamento.

L’ ossigenoterapia iperbarica, inserito in un percorso ben definito, potrebbe dare ottimi risultati sia clinici che in termini di risparmio economico nella cura delle lesioni.

Bibliografia

Safety and efficacy of hyperbaric oxygen therapy in chronic wound management: current evidence, Paul Eggleton, Alexandra J Bishop, Gary R Smerdon (Chronic Wound Care Management and Research, Aprile 2015)

Rispondi

  • (will not be published)