Esperti di Vulnologia
Laboratorio di idee ed esperienze

Scrivi allo staff di Esperti di Vulnologia

FAI LA TUA DOMANDA

20 set 2015

Buongiorno mi chiamo Sergio o 64 anni e vivo a Ceggia ( ve), sono diabetico da un a ventina di anni e purtroppo dal 2009 o avuto una amputazione al shopart del piede destro,e dal 2009 a oggi la ferita del piede si è rimpicciolita ma è sempre aperta e tutti i giorni devo medicare con betadine e garze sterili ,cosi oltre alla seccatura e anche una spesa continua.Vorrei se possibile un consiglio, la camera iperbarica funziona su questo tipo di ferite . Certo di una sua risposta spero positiva la ringrazio vivamente.

Una risposta a “INFORMAZIONE: piede diabetico e camera iperbarica”

  1. Nicola Fusetti on

    Salve, sono dispiaciuto per la situazione che sta vivendo da anni e per tutto ciò che quotidianamente le implica la continua medicazione della ferita.
    L’ossigenoterapia iperbarica, quando correttamente associata alle altre terapie mediche e chirurgiche, è una terapia importante per prevenire le amputazioni e per la guarigione delle ferite. E’ indispensabile la valutazione della ferita e dell’arto eseguendo esami strumentali quali l’ecodoppler venoso e arterioso , l’ossimetria transcutanea e la laser dopplerflussimetria che permette di valutare la circolazione del sangue al piede attraverso il Toe Brachial Index (TBI, valore accettabile maggiore di 0,2) e l’Iperemia Reattiva Post Occlusiva (capacità della parete vascolare di produrre il monossido di azoto essenziale per i processi riparativi). Il test permette di valutare la presenza di eventuale neuropatia periferica e arteriopatia (test del Riscaldamento e test di Variazione Posturale); in associazione al percorso strumentale segue il percorso delle medicazioni avanzate e dei bendaggi.
    Nel suo caso il dubbio che permane, visto che la lesione è presente da anni, è quello dell’ infezione dell’ osso che richiede indagini di altro tipo, quali risonanza magnetica o scintigrafia con leucociti marcati.
    Sarebbe utile che si rivolgesse al suo medico di base per discutere della situazione o rivolgersi a un Centro specializzato nel trattamento delle ferite difficili con annesso un Centro iperbarico. La terapia iperbarica in presenza di fattori di compromissione quali diabete, arteriopatia, precedenti amputazioni ecc, si rivela molto utile nell’ evitare altre problematiche.

    Rimaniamo a completa disposizione per qualsiasi chiarimento e informazione.
    Un caro saluto, Fusetti Nicola

    Rispondi

Rispondi

  • (will not be published)