Esperti di Vulnologia
Laboratorio di idee ed esperienze

Scrivi allo staff di Esperti di Vulnologia

FAI LA TUA DOMANDA

08 mag 2016

alginato di calcio e sodioCos’ è?

Medicazione di fibre calcio e sodio a base di alghe marine, a rotolo, per ferite profonde, o piatta per ferite superficiali.

Come agisce?

Si trasforma in gel umido consistente quando entra in contatto con l’essudato. Assorbe fino a 20 volte il suo peso. Conforme alla forma della ferita. Riempie lo spazio morto: in quanto assorbe l’umidità e l’essudato, le fibre di gel si gonfiano, rendendo la medicazione più grande di quando la applichiamo. Il gel consistente  manterrà un ambiente di guarigione umido e faciliterà il  debridement autolitico.

Indicazioni

L’ alginato di calcio e sodio è indicato in ferite con perdita di sostanza totale o parziale con moderato essudato denso, tra cui ferite infette o ferite con tunnelling e / o sottominate. Ferita sanguinante (aiuta a raggiungere emostasi).

Controindicazioni

Ustioni di terzo grado, ferite con essudato minimo o asciutte

Frequenza

Cambio ogni 1 a 3 giorni a seconda della quantità di essudato. Alcune volte possono essere lasciati sul posto fino a 5 giorni.

Cambiare quando si verifica essudato “strike-through” nello strato superiore o tessuti circostanti.

Se la medicazione deve essere cambiata più di due volte al giorno, rivalutare l’adeguatezza. Probabilmente non è la scelta giusta.

Suggerimenti

Coprire con medicazione secondaria. Non bagnare il prodotto prima dell’uso. Non utilizzare questo prodotto in combinazione con un idrogel. Se viene utilizzato alginato impregnato di argento, la medicazione deve essere rimossa prima di effettuare le procedure di imaging a risonanza magnetica. Questo tipo di medicazione può disidratare il letto della ferita. Se il letto della ferita si asciuga, la medicazione non formerà un gel e può aderire al tessuto di granulazione, causare traumi alla guarigione dei tessuti. Se la medicazione di alginato appare secca o si attacca alla ferita, saturare con soluzione salina sterile o detergente la ferita per facilitarne la rimozione. Se è ripetutamente secca al momento della rimozione, rivalutare se l’uso continuato di medicare con alginato è appropriato. Per quanto riguarda il riempimento di tunneling o sottominature bisogna riempire delicatamente la ferita facendo aderire bene a tutte le superfici e tagliando il pezzo in eccesso, senza imbottire con forza poiché con la presenza dell’ essudato si può formare un corpo duro che danneggia il letto di ferita a causa della pressione.

 

Una risposta a “Alginato di calcio e sodio nella cura delle ferite”

  1. Rania Jaaouan on

    Salve dottore, sono una ragazza di quasi 16 anni, sono stata bruciata da piccola circa quando avevo 3 anni. Ho un ustione di 3 grado, dal collo fino la petto e una spalla. Ho le cicatrici color marroncino, al collo si vede tanto .. Ho problemi a mettere maglie senza collo . leggendo sto post mi son sentita meglio . Ora abito in germania e le volevo chiederle se l Alginato di calcio e sodio lo posso comprare in farmacia e se va bene se lo applico per la mia ustione di terzo grado. Andrà via la cicatrice? Almeno un po’ . Oppure per guarirmi devo fare un operazione?

    Rispondi

Rispondi

  • (will not be published)