Esperti di Vulnologia
Laboratorio di idee ed esperienze

Scrivi allo staff di Esperti di Vulnologia

FAI LA TUA DOMANDA

10 mag 2016

Buongiorno, Vi scrivo per chiedere consiglio su una lesione cutanea cronicizzata. Nel 2009 sono stata sottoposta ad un intervento di stabilizzazione vertebrale dorso-lombare con mezzi di sintesi PERMANENTI (viti). Tali mezzi, anche per la conformazione della mia schiena, sono molto sporgenti a livello cutaneo; ciò, negli anni, ha provocato la formazione di una lesione ulcerativa nel punto di maggior sporgenza (dovuto al continuo attrito e sfregamento tra la cute e i mezzi di sintesi). Finora ho curato tale lesione con medicazioni a base di connettivina, argento colloidale, vari gel ma senza risolvere definitivamente il problema. Vi è una zona talmente sollecitata che si è innescato un meccanismo di infiammazione cronica con una micro lesione da cui spesso fuoriesce siero (no infezione) e, talvolta, sangue. Due anni fa ho interpellato un chirurgo plastico che mi ha proposto un intervento di trasposizione di lembo muscolare (muscolo gran dorsale) per coprire i mezzi di sintesi, intervento da me rifiutato. Ho cercato di riassumere il più possibile la mia problematica in queste poche righe. In pratica, e mi scuso per l’eventuale inesattezza di ciò che scrivo, ho un problema di decubito “al contrario”, ossia la lesione parte dal sottocute, non dall’epidermide. Il motivo di questa mia richiesta è per sapere, se possibile, se esistono particolari medicazioni, farmaci, o presidi di qualunque tipo che possono aiutare la guarigione di questa lesione e/o dove è meglio rivolgersi per un eventuale visita o consulto (considerando che continuo a escludere la soluzione chirurgica). Specifico, infine, che, personalmente, non ho mai avuto problemi con la guarigione di ferite, soprattutto quelle chirurgiche. Trattasi questo di un problema cronicizzato in virtù della presenza di mezzi di sintesi FISSI.  Vi ringrazio per questo servizio e per l’attenzione che vorrete dedicare alla mia richiesta. In attesa di un Vostro Cortese riscontro, porgo i miei più Distinti Saluti.

Una risposta a “Lesione cutanea cronica in sede di impianto di mezzi di sintesi vertebrali”

  1. Klarida Hoxha on

    Gentile Betelgeuse, grazie per la sua richiesta e per la stima nei nostri confronti.
    Probabilmente la strada che il chirurgo plastico le ha indicato è quella migliore per potere avere un risultato duraturo nel tempo. Tuttavia comprendo la sua perplessità nel non volersi fare operare avendo già passato altri interventi. Bisognerebbe studiare molto attentamente il suo caso e darle delle risposte scritte non sarebbe corretto e tantomeno professionale. Ci sono molti modi (non alternative alla chirurgia ovviamente) per tentare una risoluzione, dal gel piastrinico agli innesti cutanei in regime ambulatoriale, ecc. Se desidera essere valutata di persona siamo a sua disposizione, ci può contattare alla mail espertidivulnologia@gmail.com
    Un caro saluto Klarida

    Rispondi

Rispondi

  • (will not be published)