Esperti di Vulnologia
Laboratorio di idee ed esperienze

Scrivi allo staff di Esperti di Vulnologia

FAI LA TUA DOMANDA

23 nov 2016

Buongiorno,

vi scrivo per mio suocero, che ormai da 1 anno e mezzo è affetto da profonde ulcere agli arti inferiori. Sono iniziate in una gamba e successivamente anche l’altra ha manifestato lo stesso problema. A suo dire non per un problema di circolazione perché tutti gli ecodoppler andavano bene. Non mi sembra possibile. Il dolore è fortissimo soprattutto nella gamba ammalatasi dopo. La prima gamba è trattata con un drenaggio della Renasis. Dice che da quando lo ha va meglio e lo dicono anche i dottori. Purtroppo però la gamba è sempre gonfissima e ha un odore nauseante. Capisco che ci voglia tempo, ma comunque non gli è stata data nessuna dieta e non gli è stato detto di smettere di bere e fumare, nemmeno durante il ricovero in ospedale per asportare il tessuto necrotico. Potete consigliarmi qualche altra cura? Inoltre sono molto preoccupata poiché sono all’ottava settimana di gravidanza e ho paura degli effetti su me o il feto dovuti alla presenza a volte di infezioni da stafilococco aureo nella gamba di mio suocero. Siccome viviamo nello stesso appartamento e condividiamo il bagno è possibile che mi abbia infettata? Grazie mille per la Vostra risposta.

2 risposte a “Ulcere alle gambe infette”

  1. Fabio Beghin on

    Gentile utente, capiamo la sua preoccupazione sia legata allo stato di salute del suocero che alla sua gravidanza.Innanzitutto volevo rassicurarla riguardo a una sua possibile evenienza di contrarre un’infezione ma nello stesso tempo è importante che segua delle regole igieniche fondamentali perchè durante la gravidanza si verificano dei notevoli cambiamenti ormonali all’interno dell’organismo che rendono il sistema immunitario più vulnerabile e rendendola più esposta al rischio di infezioni. Quindi è importante lavarsi spesso le mani ed evitare cibi crudi o poco cotti, inoltre è bene far attenzione a non condividere asciugamani, rasoi e altri oggetti personali usati da suo suocero. Se ha qualche dubbio comunque parli con il suo ginecologo di fiducia.Per quanto riguarda suo suocero è fondamentale che assuma dei comportamenti idonei per la tutela dello stato di salute evitando il fumo e moderando l’assunzione di alcool.

    Rispondi
  2. Klarida Hoxha on

    Gentile Carmela. Per quanto riguarda il tipo di ulcera allo suocero è da capire e valutare attentamente non solo l’ aspetto circolatorio tramite l’ ecocolordoppler artero-venoso, ma tutta la situazione generale.
    C’è da chiedersi perchè ha un odore sgradevole (spesso indice di infezione), sta effettuado una terapia antibiotica adeguata? Perchè ha dolore e qual é il tipo di dolore? Spesso il dolore a seconda di come si presenta ci può dire tante cose: c’è infezione, c’è arteriopatia, c’è presenza di vasculite, ecc ecc. Oltre al drenaggio viene applicato un bendaggio con l’ intenzione di sgonfiare la gamba? Anche se l’ ecocolordoppler sembra sia nella norma, non bisogna dimenticare che visto la presenza di infezione e visto l’ edema, ci troviamo di fronte a una gamba ipossica (mancanza di ossigeno). E’ come un cane che si morde la coda: lesione infetta richiama liquidi infiammatori, presenza di liquidi non ossigena bene la ferita e la gamba, ambiente ipossico favorisce la crescita batterica e riduce l’ effetto dell’ antibiotico sistemico, non riuscendo a raggiungere il sito infetto tramite la circolazione. E’ diabetico? La glicemia è controllata o siamo di fronte ad uno scompenso? Ha altre patologie che possono compromettere la risoluzione di questo quadro? Deambula? Insomma, ci sono troppi fattori da considerare, in bocca al lupo
    Klarida

    Rispondi

Rispondi

  • (will not be published)