Esperti di Vulnologia
Laboratorio di idee ed esperienze

Scrivi allo staff di Esperti di Vulnologia

FAI LA TUA DOMANDA

26 nov 2016

Buongiorno,

una mia cara conoscente ha delle lesioni agli arti inferiori. Nel centro dove viene curata le dicono di non lavare le gambe, ma le lesioni spesso hanno cattivo odore e anche la pelle intorno è secca e sporca.

che consiglio date? Esistono prodotti per lavare le lesioni e per togliere il cattivo odore.

grazie

Una risposta a “Lavare le lesioni”

  1. Klarida Hoxha on

    Gentile signora
    Grazie per averci posto questa domanda che nonostante moltissime pubblicazioni a riguardo, se ne parla sempre negli anni in quanto è un aspetto poco considerato ma di notevole importanza nel trattamento delle ulcere.
    Partiamo dal concetto chiave: “ulcere con cattivo odore e cute perilesionale secca e sporca”.
    In presenza di cattivo odore si è certi che le ulcere siano infette e l’ infezione viene anche alimentata dal fatto che la pelle attorno è sporca. In presenza di secchezza i batteri si depositano sotto le croste e proliferano. Il lavaggio non solo della gamba, ma anche delle ulcere stesse è obbligatorio e la letteratura ne parla in modo molto chiaro. Il lavaggio riduce la carica batterica. I metodi di lavaggio possono essere molteplici e dipende come si presenta la gamba ma nel caso della sua conoscente bisogna ammorbidire le croste e rimuovere tutte le squame secche, non solo sulla gamba ma anche attorno al bordo delle ulcere in quanto arrestano il processo di guarigione. Il lavaggio può essere fatto con l’ acqua del rubinetto tiepida e con sapone neutro (tipo: Vea Marsiglia Sapone Naturale Protettivo) e deve essere fatto a ogni cambio di medicazione.
    Attenzione a valutare lo stato dell’ ulcera, perché se è vero che il cattivo odore è sintomo di presenza di infezione, queste vanno non solo deterse ma anche valutato una terapia antibiotica sistemica e medicazioni antimicrobiche e favorenti l’ assorbimento dell’ essudato.

    “Encourage patients to wash their leg gently in warm tap water when bandages are being changed”
    (SIGN, 2013); and the British Association of Dermatology (BAD)

    Rispondi

Rispondi

  • (will not be published)