Esperti di Vulnologia
Laboratorio di idee ed esperienze

Scrivi allo staff di Esperti di Vulnologia

FAI LA TUA DOMANDA

06 dic 2016

Buongiorno, sono la mamma di un bambino di 9 anni che si è recato un piccolo taglio sul polso i primi giorni di settembre, noi abbiamo subito disinfettato e messo cerotto, poi dopo qualche giorno la ferita non solo non si rimarginava ma si allargava, ho messo mercurio cromo, si sono formate le croste nel giro di 1 giorno ma appena mio figlio ha toccato la crosta gli è rimasta in mano e la pelle sotto continuava ad essudare acqua…ora siamo molto preoccupati perchè è un mese che questa ferita non guarisce..il dermatologo che l’ha visitato ha detto di mettere dell’argento che sarebbe guarita ma nulla…non sappiamo più a chi rivolgerci, il bambino è molto agitato xchè non capisce come mai non riesce a guarire e sinceramente anche noi genitori siamo preoccupati. Riesce ad aiutarmi?Grazie infinite

Una risposta a “Ferita che non si rimargina in bambino 9 anni”

  1. Fabio Beghin on

    Salve Silvia, comprendo il disagio del bambino e l’ansia che lei prova.
    L’utilizzo di prodotti antisettici locali senza una adeguata valutazione della lesione possono portare ad un cronicità per lo sviluppo di resistenza batterica.
    Inoltre gli antisettici colorati tipo mercurocromo andrebbero evitati in quanto colorando la cute non permettono una corretta lettura della ferita e mascherano eventuali arrossamenti o segni di infezione.
    Normalmente in un bambino la guarigione delle ferite è spontanea e abbastanza veloce. Quindi bisogna capire la causa della cronicizzazione della ferita. Un primo indizio è la produzione di siero acquoso segno di edema, si deve vedere anche se ci sono arrossamenti, se è presente calore, dolore etc..
    Bisogna capire quindi se la lesione è infetta, attraverso anche un esame microbiologico della flora microbica presente nella lesione.
    A volte se la lesione è infetta, oltre ad una adeguata medicazione avanzata antisettica locale necessita di una opportuna terapia antibiotica sistemica.
    Altra cosa da valutare è se oltre alla difficoltà di guarigione delle ferita il bambino manifesta altri sintomi che possono condurre ad un sospetto di diabete giovanile di tipo 1.
    Beve molto, fa molta pipi, ha mostrato una perdita di peso e nonostante questo tende ad essere insaziabile..
    Come può comprendere bisogna che la lesione sia valutata correttamente per mettere in atto le strategie più consone per una risoluzione positiva della situazione.
    Sperando di averle dato una risposta soddisfacente e ringraziandola per l’interesse al blog.
    Fabio Beghin

    Rispondi

Rispondi

  • (will not be published)