Esperti di Vulnologia
Laboratorio di idee ed esperienze

Scrivi allo staff di Esperti di Vulnologia

FAI LA TUA DOMANDA

06 giu 2018

salve, sono un anestesista rianimatore e lavoro presso una casa di cura. Sto osservando che non esiste protocollo  per le ldd e vorrei crearne uno. Oggi ho visto un infermiere che resecava la cute di una flittene estesa del calcagno sinistro. Non mi risulta che questo sia il trattamento più adeguato, ma visto che la vulnologia non è di mia pertinenza specifica vorrei studiare e creare delle tavole specifiche per la gestione dei pazienti cronici e delle loro lesioni. Domande: qual è il tipo di trattamento più indicato in questo tipo di lesioni//? /2) avete uno schema che posso inserire in cartella per la gestione delle ulcere in terapia intensiva/? Grazie

Una risposta a “Lesione tipo flittene calcagno in paziente cronico terapia intensiva”

  1. Klarida Hoxha on

    Buongiorno, grazie per la domanda.
    Il flittene in generale, almeno che non vi siano segni di degenerazione tissutale, raccolte o segni classici di infezione, non va particolarmente maneggiato. Nel senso: si lascia intatto il tetto della bolla e viene effettuato solamente lo svuotamento della stessa se dovesse essere particolarmente ingombrante e dolorosa. Le medicazioni sono volte a seccare il tetto. Se presente a livello del calcagno è verosimile che sia insorta da frizionamento, quindi nella movimentazione oppure per scivolamento sulle lenzuola.E’ necessario in questo caso uno scarico del calcagno attraverso appositi presidi.
    Le lesioni da pressioni al calcagno sono particolari nella gestione della lesione (generalmente escara, secca o molle).
    Per quanto riguarda la gestione e magari anche qualche spunto su come confezionare delle schede apposite di valutazione e trattamento, allego il documento della regione Emilia Romagna che è davvero molto completo e ben fatto. (http://salute.regione.emilia-romagna.it/documentazione/rapporti/allegato-1-del-documento-le-medicazioni-avanzate-per-il-trattamento-delle-ferite-acute-e-croniche-protocollo-di-trattamento-delle-lesioni-da-pressione-2016) Ovviamente poi va adattato alla realtà e alle risorse in cui ti trovi.
    Qualsiasi chiarimento, siamo a disposizione
    Klarida

    Rispondi

Rispondi

  • (will not be published)