Esperti di Vulnologia
Laboratorio di idee ed esperienze

Scrivi allo staff di Esperti di Vulnologia

FAI LA TUA DOMANDA

18 giu 2018

Questa condizione si riferisce all’occlusione di vasi digitali associati alla deposizione eccessiva di collagene in quelle aree che causano fibrosi tissutale. La condizione si scatena da una malattia autoimmune che è di eziologia sconosciuta con infiammazione progressiva. I pazienti affetti possono presentare anomalie sistemiche o specifiche di organo, con il 30% -40% dei pazienti che sviluppano ulcerazioni cutanee durante il corso o la durata della malattia.sclerodermia

Lo sclerodermia si manifesta con l’ ispessimento della pelle, il prurito e la decolorazione e con il fenomeno di Raynaud (sbiancamento delle dita delle mani o dei piedi in seguito a cambiamenti di temperatura associati a spasmi anormali ai vasi sanguigni da diminuzione di sangue o apporto di ossigeno). Alcuni pazienti sperimentano la perdita del controllo muscolare nell’esofago che causa tosse, difficoltà a deglutire e persino bruciore di stomaco, nonché dolore alle articolazioni e debolezza muscolare.

I siti di ferite comuni includono la punta delle dita, le nocche e i gomiti e le ferite si verificano solitamente sopra una prominenza ossea o un punto di pressione. Calcinosi o depositi di calcio si sviluppano normalmente nelle dita e provocano cambiamenti fibrotici, prurito e pelle secca e ulcerazioni in alcuni casi; le dita sono di aspetto angolare. I pazienti hanno dita deformate e le teleangiectasie (piccole macchie rosse che appaiono sulle dita, all’interno della bocca e sul viso) sono comuni. I reperti di laboratorio includono anticorpo Scl-70, un marker specifico per la sclerosi e la sindrome CREST, che consiste in calcinosi, fenomeno di Raynaud, disfunzione esofagea, sclerodattilia e teleangectasie. La ricerca sul trattamento della sclerodermia è in corso e le lesioni necessitano di un trattamento con approccio molto delicato. Tutto dipende dal paziente e dal tipo di lesione. 

Se siete curiosi, scriveteci per avere più informazioni al riguardo. 

Una risposta a “Sclerodermia”

  1. Simona on

    Salve,sono l’infermiera nitti simona, presto servizio presso l’ambulatorio e reparto di chirurgia plastica e ricostruttiva dell’ospedale ss Annunziata di Taranto. Gradirei ricevere ulteriori informazioni in merito ai trattamenti consigliati per i pz affetti da sclerodermia. Inoltre vorrei chiedervi la cortesia di informarmi su eventuali corsi di aggioornamento.tenuti da vo.
    Ringraziandovi per la cortese attenzione,porgo cordiali saluti.
    Nitti simonai

    Rispondi

Rispondi

  • (will not be published)